Architetture italiane del secondo Novecento

14 marzo 2014

bolzano coloreII Censimento nazionale delle architetture del secondo Novecento è stato promosso dal MiBAC, a partire dal 2002, per la valorizzazione e la promozione della conoscenza delle opere di architettura contemporanea.

Ad oggi sono stati individuati e schedati oltre 2500 edifici o complessi architettonici rispondenti ai criteri di selezione predefiniti, tra i quali oltre 380 opere indicate come “eccellenze”. Si tratta di opere pubbliche e private, edifici singoli e complessi urbani, attrezzature di servizio e infrastrutture, che nel loro insieme rappresentano le diverse declinazioni della cultura architettonica italiana del secondo Novecento.

La banca dati consultabile on-line ed ancora in fase sperimentale consente la ricerca per denominazione, autore, tipologia, regione, categoria. La scheda dei singoli edifici, oltre alle informazioni di base sul progetto, contiene in molti casi anche documentazione grafica e indicazioni bibliografiche.

Sito web: http://www.sitap.beniculturali.it/architetture/

(per entrare nella banca dati cliccare sul link in alto a destra ‘Cerca/Aggiorna’)

Annunci

Architectour.net

6 dicembre 2011

Oggi volevamo presentare Architectour.net, il portale sull’architettura del  20.  e  21. secolo, articolato in una banca dati ed in contenuti tematici, raggruppati sotto l’etichetta “Oltre il database” che rappresentano il corpus documentario di AR.

I contenuti tematici si strutturano in diverse sezioni: File (saggi, articoli, bibliografie tematiche), News, ArchitetTourS (veri e propri viaggi di studio alla scoperta delle architetture di un paese), Manifestazioni.

Ma secondo noi – almeno per ora – la parte piu’ interessante del portale riguarda la banca dati,  costantemente aggiornata, costituita da circa 11.000 record sulle le principali opere architettoniche del 20. e 21. secolo ancora esistenti. Le singole schede sono consultabili a partire da indici per autore, localizzazione, tipologia, mostre oppure tramite i campi della ricerca avanzata che consentono di incrociare vari criteri. Per utilizzare quest’ultima funzione  – insieme alla ricerca per tipologia e localizzazione –  è necessario registrarsi. La registrazione è gratuita.

Per ogni architetto, quando sono disponibili, vengono riportati:

  • dati biografici essenziali,
  • il regesto delle opere,
  • la bibliografia articolata in scritti dell’autore e sull’autore
  • le mostre

Ogni opera citata nel regesto è linkata ad una scheda in cui vengono segnalati:

  • progettisti
  • localizzazione
  • cronologia
  • tipologia
  • dati dimensionali
  • committente
  • riferimenti bibliografici
  • opera nel cinema (ossia in quali film è citata l’opera ed il livello di presenza – marginale, apprezzabile ecc.)

Per alcune opere sono presenti piante, prospetti, sezioni e galleria fotografica con chiare indicazioni sul copyright.

Per chi volesse approfondire la conoscenza della struttura della banca dati e le possibilità di ricerca, segnaliamo l’articolo:

Linda Ciacchini, Architectour.net: un viaggio nella’rchitettura contemporanea, “Biblioteche oggi”, XXVI/2 (7). pp. 21-23.


Censimento delle architetture italiane del secondo Novecento: risorse on-line

28 ottobre 2011

Alcuni anni fa la Direzione generale per la qualità e la tutela del paesaggio, l’architettura e l’arte contemporanee del Ministero per i beni e le attività culturali ha avviato un’attività di ricognizione, articolata a scala nazionale e locale, delle architetture italiane del secondo Novecento: L’architettura in Italia dal 1945 ad oggi: selezione delle opere di rilevante interesse storico-artistico.

La ricerca a scala nazionale è stata condotta essenzialmente su base bibliografica e costituisce la cornice e il quadro di riferimento generale.

Le ricerche specifiche a scala locale, condotte in collaborazione con Università, Regioni, Direzioni regionali e Soprintendenze dal 2002, sono iniziate in via sperimentale da Roma e procedono in base a criteri oggettivi e condivisi di riconoscimento di valori e qualità, legati alla fortuna critica dell’opera, alla sua rappresentatività (in relazione al periodo storico di riferimento, all’evoluzione del tipo edilizio, al contesto urbano), alla figura dell’autore.

Per ogni opera selezionata sono stati individuati gli elementi di conoscenza di base e la bibliografia di riferimento, integrati da una indagine diretta sullo stato di conservazione e sulle trasformazioni subite; il tutto è corredato da planimetrie e immagini fotografiche, d’epoca e attuali.

Vi segnaliamo di seguito le risorse disponibili on-line, contenenti i risultati di alcune di queste ricerche:

Portale nazionale – banca dati

Trentino Alto Adige – banca dati

Veneto e Friuli Venezia Giulia – banca dati

Emilia Romagnabanca dati  e  pubblicazione on-line

Toscana – banca dati

Napoli e provincia – banca dati


Banca dati on-line Architetture del ‘900 in Toscana

10 luglio 2009

ARCH-900La banca dati Architetture del Novecento in Toscana è stata realizzata dalla Fondazione Michelucci, su incarico della Regione Toscana, nell’ambito di un lavoro di ricerca e catalogazione (condotto tra il 1995 ed il 2000), che ha riguardato il patrimonio architettonico realizzato nel corso del XX secolo in Toscana.

Le opere selezionate sono oltre 300, rappresentative delle diverse tipologie architettoniche: stazioni ferroviarie, teatri, cinema, impianti sportivi, ospedali, scuole, caserme, fabbriche, ville, edifici di civile abitazione, ecc.

La banca dati è liberamente accessibile on-line sul sito web della Regione Toscana:

http://www.cultura.toscana.it/architetture/architetture_900/index.shtml

Gli edifici schedati possono essere ricercati:

  • per provincia e comune
  • per nome
  • per tipologia
  • per autore

Ogni scheda riporta i dati identificativi dell’opera (progettista, direzione dei lavori, tecnica muraria, destinazione, stato di conservazione, restauri, ecc.), la bibliografia, una sintetica descrizione ed è accompagnata da una o più foto.

I risultati della ricerca, corredati da una serie di saggi critici, sono stati anche raccolti nel volume:

Architetture del Novecento: la Toscana / a cura di Ezio Godoli. – Firenze : Polistampa, 2001. – 341 p. : ill. ; 28 cm + 1 cd-rom

La pubblicazione è disponibile in Biblioteca sia per il prestito che per la consultazione in sede.


Archivi di architettura contemporanea

29 maggio 2009

foto_architettiSul SIUSA, il Sistema informativo unificato per le Soprintendenze archivistiche (http://siusa.archivi.beniculturali.it) sono consultabili i primi risultati del censimento nazionale degli archivi di architettura contemporanea, promosso, alla fine degli anni Novanta, dalla Direzione generale per gli archivi del Ministero per i beni e le attività culturali.
Informazioni dettagliate, indicazioni bibliografiche ed aggiornamenti sullo stato di avanzamento del progetto sono disponibili sul sito web della Direzione generale, all’indirizzo:
http://www.archivi.beniculturali.it/servizioII/progetti/archivi_architettura.html

Sul SIUSA è stato, invece, realizzato un percorso tematico, denominato Archivi di architettura ed accessibile all’indirizzo:
http://siusa.archivi.beniculturali.it/cgi-bin/pagina.pl?RicProgetto=architetti
Da questa pagina è possibile:

  • consultare le schede che descrivono sommariamente i fondi archivistici censiti
  • consultare gli inventari analitici già realizzati per alcuni di essi.

E’ possibile effettuare la ricerca guidata a partire dall’indice dei complessi archivistici (fondi, serie, sottoserie), dei soggetti produttori (enti o persone) e dei soggetti conservatori (per quest’ultimo sono disponibili: indice alfabetico, per regione, per tipologia) oppure è possibile effettuare ricerche incrociate, tramite la ricerca avanzata.
Un canale specifico consente di visualizzare gli inventari disponibili on-line (anche tramite link a siti esterni al SIUSA).

Ricordiamo che in Biblioteca, nella sezione Reference, sono consultabili le guide a stampa, realizzate nell’ambito del progetto ed in particolare:

Guida agli archivi di architetti e ingegneri del Novecento in Toscana / Ministero per i beni e le attività culturali, Soprintendenza archivistica per la Toscana ; a cura di Elisabetta Insabato e Cecilia Ghelli ; con la collaborazione di Cristina Sanguineti. – Firenze : Edifir, [2007]. – 440 p. : ill. ; 22×22 cm


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: