Storia di Firenze: il portale per la storia della città

17 novembre 2016

Il portale Storia di Firenze (http://www.storiadifirenze.org/) “nasce all’interno dell’Università di Firenze per opera di un gruppo di studiosi che afferiscono a più dipartimenti di area umanistica e delle scienze sociali in una prospettiva di ricerca multidisciplinare”. Si tratta di un sito ricchissimo di materiali di valore accademico e strumenti di approfondimento, utili agli studiosi e a chiunque è interessato alla storia della città. Si propone infatti di essere “un ponte tra la ricerca accademica e la vita culturale e sociale della città, e al tempo stesso di divulgare a un pubblico più ampio i risultati e l’attività in fieri della ricerca storica”.

Nella varie sezioni in cui si articola il portale si trovano molti contributi che hanno per oggetto momenti della storia urbana ed architettonica di Firenze, tra cui ci limitiamo a segnalare:

 


Giugno 1957: Firenze verso il nuovo quartiere popolare di Sorgane

29 giugno 2016

L’articolo di Paola Ricco (Università di Firenze), Giugno 1957: Firenze verso il nuovo quartiere popolare di Sorgane, pubblicato sul portale Storia di Firenze, ripercorre la vicenda del progetto di Sorgane, dall’ottobre del 1954 al febbraio del 1962. E’ corredato da un’utile bibliografia.

Sito webhttp://www.storiadifirenze.org/?temadelmese=giugno-1957-firenze-verso-il-nuovo-quartiere-popolare-di-sorgane


La Biblioteca di architettura di Firenze e la sua Scuola: suggerimenti bibliografici

9 settembre 2015

foto biblioSulla Biblioteca di architettura, l’unico contributo è quello di:

in particolare sulla storia della Biblioteca di urbanistica (ora definitivamente confluita nella biblioteca di architettura) e sulle sue collezioni:

poi sulle Biblioteche dell’Università di Firenze con qualche cenno anche a quella di architettura:

Informazioni su Palazzo San Clemente, con indicazioni bibliografiche approfondite sono disponibili:

– nella banca dati Repertorio delle architetture civili di Firenze a cura di Claudio Paolini. I libri consigliati negli approfondimenti sono tutti reperibili presso la Biblioteca di architettura dell’Università di Firenze.

Il rilievo del Palazzo è riportato nell’articolo di:
– Marco Jaff, Palazzo Guadagni. La struttura architettonica attraverso il rilievo, “Opus Incertum”, 3, 2007, p. 41-52
– le piante dei vari piani sono disponibili anche nella banca dati Archidis: fondo dei disegni tecnici del comune di Firenze

Sulla storia della Facoltà di architettura ora Scuola di architettura:

“Annuario della R. Scuola superiore di architettura di Firenze”, Firenze, Scuola superiore di architettura, anni 1930-1936 http://periodici.librari.beniculturali.it/PeriodicoScheda.aspx?id_testata=70&Start=0

Università degli studi di Firenze, “Annuario”, Firenze, Sansoni, poi, Ateneo Fiorentino, anni accademici 1938-1939; 1942-1943, 1960-1962, 1965-66; 1966-1967

Quinterio, Francesco, La fondazione della Facoltà di Architettura di Firenze, dal 1927 al 1936, con un regesto documentario del periodo 1927-1951, 1983, dattiloscritto conservato presso la Biblioteca di scienze tecnologiche, sede di architettura, Firenze

Koenig, Giovanni Klaus, La Facoltà di architettura negli anni delle grandi speranze (1944-1950), in, Storia dell’ateneo fiorentino contributi di studio, Firenze, F. & F. Parretti grafiche, [1986], p. 543-556, vol. 2

Gurrieri, Francesco, Lontana “Urbanitas”, in, Storia dell’ateneo fiorentino contributi di studio, Firenze, F. & F. Parretti grafiche, [1986], p. 557-562, vol. 2

Bonafede, Maria Elisabetta, La scuola fiorentina fra le due guerre genesi, figure e contributi nella cultura architettonica europea, Firenze, Print & service, c1993

Università degli Studi di Firenze, Guida alle sedi storiche della Facoltà di architettura, Firenze, Octavo F. Cantini, ©1996

Cresti, Carlo, Storia della Scuola e Istituto superiore di architettura di Firenze, 1926-1936, Firenze, A. Pontecorboli, stampa 2001

Gurrieri, Francesco; Zangheri, Luigi, La Facoltà di Architettura, in L’Università degli studi di Firenze 1924-2004, Firenze, L. S. Olschki, 2004, p. 493-513, vol. 2.

La Facoltà di architettura di Firenze tra tradizione e cambiamento atti del convegno di studi, Firenze, 29-30 aprile 2004, a cura di Gabriele Corsani e Marco Bini, Firenze, Firenze University press, 2007


Il Convento delle Murate: suggerimenti bibliografici

12 settembre 2014

405958Un po’ di tempo fa avevamo pubblicato un post dal titolo Le murate: suggerimenti bibliografici in cui prendevamo in considerazione sopratutto testi che affrontavano la risistemazione del complesso. Oggi volevamo indirizzare i nostri suggerimenti bibliografici sulla storia architettonica del convento.

Punto di partenza della ricerca è Il fondo delle Corporazioni religiose soppresse depositato presso l’Archivio di Stato di Firenze e la scheda del fondo Santissima Annunziata di Firenze detto delle Murate raggiungibile dal SIASFI (Sistema informatico archivio di Stato di Firenze).

Molte informazioni bibliografiche si trovano nel Repertorio delle architetture civili a cura di Claudio Paolini consultando la scheda sul Convento delle Murate.

Per approfondire indichiamo, inoltre, alcune fonti e testi di riferimento:

  • Richa, Giuseppe, Notizie istoriche delle chiese fiorentine divise ne’ suoi quartieri, Roma : Multigrafica, 1972 (Biblioteca architettura, fondo reference 726.5094551 RIC)
  • Paatz, Walter, Die Kirchen von Florenz, Frankfurt am Main, Vittorio Klostermann, 1954 (Biblioteca architettura, fondo reference 726.50945511 PAATW)
  • Niccolini, Giustina, The Chronicle of Le Murate, edited and traslated by Saundra Weddle Toronto : Centre for reformation and Renaissance studies, 2011 (Biblioteca umanistica LTE07000000110). Il manoscritto è conservato in Biblioteca nazionale: Cronache del VV Monastero di Santa Maria Annunziata delle Murate 31 gennaio 1597
  • Lapini, Agostino, Diario fiorentino dal 252 al 1596, Firenze : Sansoni, 1900 (Biblioteca umanistica, LTV 11 1 9)
  • Vincenzio Follini, Modesto Rastrelli, Firenze antica, e moderna illustrata, Firenze, Allegrini et alt., 1789-1802. (Biblioteca architettura, sala reference, 945.511 FOLLV/1)
  • Fantozzi Federico, Nuova guida ovvero descrizione storico artistico critica della città e contorni di Firenze, Firenze, Giuseppe e fratelli Ducci, 1972. (Biblioteca di architettura, Sala reference914.551 FANTF)
  • Fantozzi Micali, Osanna; Roselli Piero, Le soppressioni dei conventi a Firenze. Riuso e trasformazioni dal sec. XVIII in poi, Firenze, Libreria Editrice Fiorentina, 1980 (Biblioteca architettura fondo reference 726.709455 FANMO).
  •  Kent, Francis W., Lorenzo de’ Medici, Madonna Scolastica Rondinelli e la politica di mecenatismo architettonico nel convento delle Murate a Firenze (1471-72), in, Arte, committenza ed economia a Roma e nelle corti del Rinascimento (1420-1530) atti del Convegno internazionale Roma 24-27 ottobre 1990 a cura di Arnold Esch e Christoph Luitpold Frommel, organizzato da! Biblioteca Hertziana, Istituto storico germanico di Roma, Torino, Einaudi, c1995, p. 353-382. (Biblioteca di Lettere LTF 1 1192)
  • Weddle, Saundra Lynn, Women in wolves’ mouths’  : nun’s reputations, enclosure and architecture at the convent of Le Murate in Florence, in, Architecture and the politics of gender in early modern Europe, edited by Helen Hills, Aldershot,  Ashgate, ©2003, p. 115-129, fig. 6,1-6,5.
  • Lowe, K. J. P., Nuns’ chronicles and convent culture in Renaissance and Counter-Reformation Italy, Cambridge, U.K. [u.a.],  Cambridge Univ. Press,  2003. Parzialmente consultabile all’indirizzo: http://assets.cambridge.org/97805216/21915/sample/9780521621915ws.pdf

Piante e prospetti del convento sono disponibili nella banca dati Archidis che contiene la schedatura analitica e la digitalizzazione dei disegni del fondo “Lavori pubblici, sezione disegni” conservati presso l’Archivio storico del Comune di Firenze e che coprono un arco cronologico che va dalla seconda metà del XVIII secolo agli anni Ottanta del ‘900.

Infine gli utenti dell’Università di Firenze possono interrogare gratuitamente la banca dati Disertation and thesis e consultare la tesi di dottorato di:

  • Weddle, Saundra Lynn, Enclosing Le Murate : the ideology of enclosure and the architecture of a Florentine convent, 1390-1597, Thesis (Ph. D.)–Cornell University, 1997.

Piazzale Michelangelo: suggerimenti bibliografici

24 gennaio 2014

016006Prendendo spunto da una ricerca che abbiamo svolto al nostro servizio di informazione bibliografica Biblio in-forma, pubblichiamo oggi alcuni suggerimenti bibliografici su Piazzale Michelangelo.

Libri:

Poggi, Giuseppe, Sui lavori per l’ingrandimento di Firenze relazione di Giuseppe Poggi (1864-1877), Firenze : Giunti, [1992?] (Biblioteca architettura 711.409455109034 POGGG)

Borsi, Franco, La capitale a Firenze e l’opera di G. Poggi, [S.l.] : Colombo, 1970 (Biblioteca architettura 720.92 POG001))

Giuseppe Poggi e Firenze: disegni di architetture e città Firenze, Uffizi, Sala delle Reali poste, dicembre 1989-gennaio 1990, Firenze : F. Del Vecchio : Alinea, 1989 (Biblioteca architettura 720.2222 POGGG)

Il disegno della città: l’urbanistica a Firenze nell’Ottocento e nel Novecento Firenze, novembre-dicembre 1986 Firenze : Alinea, 1986 (Biblioteca architettura 711.40945511 DISEGN)

Paolini, Claudio, Il sistema del verde il viale dei colli e la Firenze di Giuseppe Poggi nell’Europa dell’Ottocento, Firenze : Polistampa, 2004, ampia bibliografia (Biblioteca architettura 712.5094551 PAOLC)

Agostini, Elisabetta Maria, Giuseppe Poggi : la costruzione del paesaggio, Reggio Emilia : Diabasis, [2002] (Biblioteca architettura 720.92 POG004)

Chierici, Luigi, Le Cascine e il viale de’ colli considerazioni igieniche del professore Luigi Chierici, Firenze : Tip. eredi Botta, 1871 (Biblioteca architettura 712.094551 CASCIN)

Carocci, Guido, Il viale de’ Colli : descrizione storico-artistica / di Guido Carocci, Firenze : tip. Cooperativa, 1872 (Biblioteca nazionale centrale Firenze)

Articoli:

Corsani, Gabriele, Giuseppe Poggi e il Viale dei Colli a Firenze, “Storia urbana”, N. 60 (1992), p. 37-58, contiene ampia bibliografia (Biblioteca architettura RI 222)

Materiale grafico:

Impronte digitali: il catalogo delle digitalizzazioni del Sistema Bibliotecario di Ateneo dell’Università degli studi di Firenze, disponibile la pianta del Piazzale Michelangelo e la facciata della Loggia del Piazzale Michelangelo oltre alla pianta dell’ingombro della statua

Archidis: banca dati che contiene la schedatura analitica e la digitalizzazione dei disegni del fondo “Lavori pubblici, sezione disegni” conservati presso l’Archivio storico del Comune di Firenze. Sul piazzale Michelangelo sono disponibili molte piante disegnate in vari periodi.

Tesi di laurea:

Nel Catalogo delle tesi del SBA dell’Università degli studi di Firenze sono disponibili alcune tesi di laurea sull’argomento.

Infine per chi volesse consultare l’archivio di Giuseppe Poggi, ricordiamo che è conservato in varie strutture:
Biblioteca di scienze tecnologiche (Architettura) materiale completamente digitalizzato in Impronte digitali
Biblioteca del Gabinetto Vieusseux
Biblioteca dell’Istituto Nazionale di studi sul Rinascimento
Archivio di Stato


Un e-book sul Palazzo di Giustizia di Firenze

2 agosto 2013

Il Palazzo di Giustizia di Firenze. Materiali e cronache tra leSul sito della Fondazione Michelucci di Fiesole è consultabile e scaricabile gratuitamente in formato pdf  la pubblicazione elettronica Il Palazzo di Giustizia di Firenze. Materiali e cronache tra le visioni di Michelucci e il progetto di Ricci (Fondazione Michelucci, 2012), frutto della ricerca condotta da Stefano Lambardi nell’ambito del Dottorato in Progettazione architettonica ed urbana, presso la Facoltà di Architettura dell’Università degli studi di Firenze, in collaborazione con la Fondazione Michelucci.

La storia progettuale del Palazzo di Giustizia per Firenze ha inizio nel 1986 in occasione dell’apertura della mostra “I luoghi che cambiano”, organizzata dalla FIAT negli spazi espositivi della Fortezza da Basso. I protagonisti sono Giovanni Michelucci e Lawrence Halprin, entrambi chiamati al confronto sul tema dello sviluppo della città, con il supporto critico di Bruno Zevi, convinto sostenitore della cultura architettonica fiorentina degli ultimi venti anni.
Da questo avvenimento il Comune di Firenze assegna l’incarico per la redazione del progetto ai due architetti fiorentini più rappresentativi: Giovanni Michelucci e Leonardo Ricci. Questa sarà per loro l’ultima occasione di condividere un’esperienza progettuale e l’ultimo atto del loro rapporto personale.
La vicenda progettuale viene ripercorsa a partire dall’ideazione e dalla progettazione del Palazzo di Giustizia di Firenze fino alla scomparsa di Ricci, e cioè fino al progetto preliminare del 1988, in quanto ciò che avvenne dopo attiene più alla storia tecnica di un iter progettuale e burocratico, che ad un perseguimento dei caratteri architettonici fondativi del progetto originale. Con la morte di Ricci, che avviene a Venezia nel settembre 1994, muore anche “l’idea” di quello spazio destrutturato ma organico, complesso e, al tempo stesso, assoluto (fonte: http://www.michelucci.it)

>> E-book  Il Palazzo di Giustizia di Firenze  (download gratuito)


Vieusseux & Firenze 1820-1870: un percorso multimediale

10 luglio 2013
guide-souvenir

Credits: Gabinetto Vieusseux

Vieusseux & Firenze 1820-1870 è un prodotto multimediale, disponibile su CD-ROM e on-line realizzato in occasione della Giornata di studio Libri e lettori verso l’Italia unita: dalle fonti del Gabinetto Vieusseux (1820-1870), tenuta a Palazzo Strozzi nell’aprile 2010 ed organizzata in collaborazione con l’Università degli studi di Firenze e la Regione Toscana.

A partire dai documenti conservati presso il Gabinetto Vieusseux (in particolare relazioni di viaggio, memorie, guide e mappe dell’epoca), viene ricostruita da una parte “la fisionomia dello ‘stabilimento’ di Palazzo Buondelmonti, in Piazza Santa Trinita, nel contesto della storia culturale della città, osservata nel passaggio dal periodo granducale agli anni della capitale”, dall’altra la “stratificazione dei luoghi deputati della sociabilità e dei forestieri: alberghi e locande, caffè, teatri, biblioteche e gabinetti di lettura, a partire ovviamente da quello fondato da Giovan Pietro Vieusseux a Palazzo Buondelmonti, a Piazza Santa Trinita”.

Si tratta di un lavoro in progress, sottoposto a continui aggiornamenti, revisioni, correzioni.

Per entrare nel percorso multimediale, dalla pagina  http://www.vieusseux.fi.it/vieusseux-e-firenze.html, attendere il caricamento del video  e poi cliccare sui tre pulsanti-immagine a sinistra.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: