Guida a Compendex ed Inspec

14 marzo 2013

EV-logoLa Biblioteca di ingegneria ha prodotto un’utile guida in italiano alle banche dati Compendex ed Inspec alle quali è abbonato il Sistema bibliotecario di ateneo.

La guida offre informazioni su:

  • Come accedere alle banche dati
  • Come effettuare la ricerca
  • Come cercare con il thesauro

La guida è scaricabile dal sito della Biblioteca di scienze tecnologiche alla pagina Fai da te

Annunci

Architectour.net

6 dicembre 2011

Oggi volevamo presentare Architectour.net, il portale sull’architettura del  20.  e  21. secolo, articolato in una banca dati ed in contenuti tematici, raggruppati sotto l’etichetta “Oltre il database” che rappresentano il corpus documentario di AR.

I contenuti tematici si strutturano in diverse sezioni: File (saggi, articoli, bibliografie tematiche), News, ArchitetTourS (veri e propri viaggi di studio alla scoperta delle architetture di un paese), Manifestazioni.

Ma secondo noi – almeno per ora – la parte piu’ interessante del portale riguarda la banca dati,  costantemente aggiornata, costituita da circa 11.000 record sulle le principali opere architettoniche del 20. e 21. secolo ancora esistenti. Le singole schede sono consultabili a partire da indici per autore, localizzazione, tipologia, mostre oppure tramite i campi della ricerca avanzata che consentono di incrociare vari criteri. Per utilizzare quest’ultima funzione  – insieme alla ricerca per tipologia e localizzazione –  è necessario registrarsi. La registrazione è gratuita.

Per ogni architetto, quando sono disponibili, vengono riportati:

  • dati biografici essenziali,
  • il regesto delle opere,
  • la bibliografia articolata in scritti dell’autore e sull’autore
  • le mostre

Ogni opera citata nel regesto è linkata ad una scheda in cui vengono segnalati:

  • progettisti
  • localizzazione
  • cronologia
  • tipologia
  • dati dimensionali
  • committente
  • riferimenti bibliografici
  • opera nel cinema (ossia in quali film è citata l’opera ed il livello di presenza – marginale, apprezzabile ecc.)

Per alcune opere sono presenti piante, prospetti, sezioni e galleria fotografica con chiare indicazioni sul copyright.

Per chi volesse approfondire la conoscenza della struttura della banca dati e le possibilità di ricerca, segnaliamo l’articolo:

Linda Ciacchini, Architectour.net: un viaggio nella’rchitettura contemporanea, “Biblioteche oggi”, XXVI/2 (7). pp. 21-23.


Il Gran Tour: fonti on-line

14 aprile 2011

Spesso la narrativa di viaggio, come quella relativa al Gran Tour (di cui l’Italia costituiva una tappa obbligata), rappresenta una fonte di grande interesse per la storia dell’architettura e dell’urbanistica. In questo post vogliamo pertanto segnalare tre banche dati on-line, che sono state realizzate proprio su questo tema.  Sono tutte ad accesso libero e meritano senz’altro una visita.

Al viaggio in Toscana dei viaggiatori inglesi e francesi dalla fine del XVI secolo agli inizi del XIX secolo è dedicato il  progetto Grand Tour, curato dalla Biblioteca nazionale di Firenze.  Sono stati digitalizzati oltre 500 testi, conservati presso la BNCF e la Bibliothèque nationale de France ed è stato realizzato uno spoglio analitico delle fonti rispetto a varie categorie tematiche.  In particolare, è stata indicizzata la voce edilizia ed architettura, articolata nelle sottovoci: civile (privata e pubblica), religiosa e militare. Disponibili anche un’ampia galleria di immagini ed una bibliografia.

 

L’Archivio dei viaggiatori italiani a Roma e nel Lazio (AVIREL) è un progetto promosso dal Centro interdipartimentale di ricerca sul viaggio dell’Università della Tuscia e mette a disposizione degli studiosi i testi, la bibliografia e le immagini, relativi al viaggio a Roma e nel Lazio, compiuto dagli italiani nel periodo compreso fra il 1800 e il 1925.  AVIREL comprende la Biblioteca digitale (i testi integrali delle guide turistiche e delle relazioni di viaggio), il Catalogo bibliografico, il Catalogo iconografico (per la ricerca e la visualizzazione delle incisioni presenti nelle opere), la Documentazione (un’ampia bibliografia sul tema) e una sezione di Link.

 

Voyages en Italie è il portale di Gallica dedicato al tema del viaggio in Italia visto dai viaggiatori francesi.  Si possono esplorare diverse sezioni, tra cui: Les lieux (ossia i luoghi scelti come tappe del viaggio) e due nutriti apparati bibliografici.  L’Italie en images è invece un viaggio condotto per immagini in Italia dal Medioevo ad oggi. Nella sezione Recherche è possibile effettuare ricerche nel full text dei documenti digitalizzati  (per autore, per titolo, per parola chiave, per tipologia di documento, per tipologia del viaggiatore, per genere di documento).


Banche dati olandesi di architettura

3 marzo 2011

Segnaliamo due banche dati bibliografiche on-line, ad accesso libero, di fondamentale importanza per chi sta facendo ricerche sull’architettura olandese:

  • NAI/Bonas Collection Information System
  • ABSIS (Architectuur, Bouwtechniek, Stedebouw Informatie Systeem – Architecture, Construction, and Urban Development Information System)

NAI/Bonas Collection Information System è implementato dal Netherlands Architecture Institute e  raccoglie riferimenti bibliografici  a materiali di vario genere (libri, periodici, articoli, disegni, fotografie, profili biografici, ecc.), che documentano due secoli di architettura olandese. Ingloba la Stichting Bibliografieën en Oeuvrelijsten Nederlandse Architecten en Stedebouwkundigen (BONAS), un importante repertorio che indicizza tutti i principali periodici olandesi dal 1843 in poi .   Non include i periodici correnti, per i quali bisogna far riferimento ad ABSIS. Ecco come viene presentata la nuova interfaccia di ricerca (denominata Archivista e, putroppo, per ora solo in lingua olandese):

It is the first time that such a plethora of coherent information about two centuries of Dutch architecture will become available on the internet. It will be possible to search the entire NAI collection online, integrated with encyclopaedic data from the Bonas Archiwijzer (search tool) and linked to several external databases and collections. The platform will be set up in such a way as to enable more parties to link up in the future. Information that until now was scattered and fragmented can soon be searched from one location (continua a leggere…)

ABSIS è la banca dati curata dalla Delft University of Technology e contiene articoli pubblicati dal 1989 in poi, relativi all’architettura olandese e belga, ad opere di architetti olandesi e belgi all’estero, ad opere di architetti internazionali in Olanda e Belgio. L’interfaccia di ricerca è in lingua inglese.

 


Nuovamente disponibile l’accesso alla International Bibliography of Art (IBA)

1 febbraio 2011

Segnaliamo dal Metablog delle risorse elettroniche dello SBA la notizia che è ricominciata la pubblicazione di IBA (International Bibliography of Art), grazie alla partnership di ProQuest con il Getty Research Institute. IBA è una fra le principali risorse bibliografiche dedicate alla storia dell’arte occidentale, periodicamente sospesa a causa dei pesanti tagli di bilancio subiti dal Getty, che ne era in precedenza unico curatore.

IBA è la continuazione della BHA (Bibliography of History of Art), quest’ultima liberamente disponibile in rete all’indirizzo http://library.getty.edu:7101/cgi-bin/Pwebrecon.cgi?DB=local&PAGE=First, redatta dal Getty Research Institute e dall’Institut de l’Information Scientifique et Technique (INIST) dal 1975 fino a settembre 2007. IBA indicizza la letteratura internazionale disponibile dal 2008 in avanti relativa alle arti visive e a tutti i mezzi espressivi, alle arti applicate e decorative, agli studi museali e di conservazione, alla archeologia e agli studi classici, alla storia dell’architettura e dell’antichità, etc.

L’abbonamento ad IBA è stato sottoscritto dalla Biblioteca di Scienze Tecnologiche. La banca dati è accessibile dalla rete di l’Ateneo.


TRIS Online: una banca dati sui trasporti

30 novembre 2010

Tra le banche dati ad accesso libero, recentemente inserite nel portale delle risorse elettroniche del Sistema bibliotecario dell’Università di Firenze, c’è TRIS Online:  a transportation research database.

TRIS Online, prodotta dal  Transportation Research Board of the National Academies, è la più grande banca dati bibliografica dedicata ai trasporti. Contiene oltre mezzo milione di record di pubblicazioni scientifiche, compresi rapporti tecnici, libri, atti di convegni, a articoli di rivista.
Comprende letteratura riguardante la progettazione, il design e gli aspetti ingegneristici, i materiali, l’ambiente, nonché la sicurezza e gli aspetti finanziari riguardanti i trasporti stradali e autostradali, marittimi, aerei.


Risorse bibliografiche per la conservazione ed il restauro

26 agosto 2010

Segnaliamo in questo post alcune interessanti banche dati bibliografiche, liberamente accessibili on-line, dedicate alla conservazione ed al restauro.

BCIN – Bibliographic Database of the Conservation Information Network <http://www.bcin.ca/>

è la più importante banca dati bibliografica in materia.
Contiene circa 200.000 citazioni bibliografiche, che riuniscono il posseduto delle biblioteche di sei importanti istituti: Getty Conservation Institute, Canadian Conservation Institute, Smithsonian Institution, ICOMOS, ICOM and ICCROM. Le citazioni si riferiscono a varie tipologie documentarie: libri, periodici, articoli di riviste, materiali audiovisivi e letteratura grigia.
In particolare, BCIN comprende al suo interno la banca dati bibliografica AATA on line (Abstracts of International Conservation Literature).
Sono disponibili un servizio di document delivery (per informazioni: http://www.bcin.ca/English/document_delivery.html) ed Ask a librarian (http://www.bcin.ca/English/ask.html).

BMUSE – Museum Bibliography <http://www.pro.rcip-chin.gc.ca/bd-dl/bmuse-eng.jsp>

è una banca dati bibliografica specializzata in museologia e museografia. Contiene circa 25.000 citazioni bibliografiche, che riuniscono il posseduto delle biblioteche di tre istituti: UNESCO-ICOM Museum Information Centre, Canadian Conservation Institute (CCI), e Direction des Musées de France (DMF).

Heritage Law Bibliography <http://www.pro.rcip-chin.gc.ca/bd-dl/blp-hlb-eng.jsp>

è una bibliografia internazionale dedicata alla legislazione sulla tutela e la conservazione dei beni culturali e naturali, relativa ad oltre 100 paesi. E’ compilata da esperti del settore, afferenti al Canadian Heritage Information Network.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: