I comuni della Toscana

23 febbraio 2017

comune_toscana_052001_abbadia%20san%20salvatoreLa pagina, disponibile sul portale Geoscopio della Regione Toscana, consente l’accesso ai servizi informativi relativi a tutti i comuni toscani, secondo l’ordine alfabetico dei comuni, facilitando così il recupero e la consultazione delle informazioni per località.

Per ogni comune vengono forniti i link di accesso alle seguenti tipologie di informazione:

  • Open Data geografici
  • Elenco strade
  • Elenco fiumi
  • Elenco toponimi
  • Elenco fogli catastali
  • Stato di realizzazione della CTR in scala 2000
  • Statistiche di Uso e Copertura del Suolo – Banca dati UCS RT 2007-2010
  • Popolazione residente e densità di popolazione – Censimenti ISTAT 1951-2011
  • Fototeca
  • Castore: Catasti Storici Regionali
  • Uso e copertura del suolo
  • Pedologia e Capacità di uso dei suoli (dati provvisori)
  • Pericolosità e Rischio di alluvione (D.Lgs.49/2010)
  • Aree protette
  • Perimetrazione aree non idonee all’installazione di impianti fotovoltaici a terra
  • Censimento grotte
  • Sentieristica
  • Infrastrutture, servizi e presidi

>> http://www502.regione.toscana.it/geoscopio/servizi/wfs/html/comuni.html

 

Annunci

Toscana Tirrenica: cartografia, storia, paesaggi, architetture

25 agosto 2016

Mappa dell'Isola di GiannutriLa banca dati realizzata nell’ambito del progetto PERLA (ProgEtto peR L’Accessibilità, la fruibilità e la sicurezza della fascia costiera delle regioni transfrontaliere) contiene 682 mappe storiche provenienti da 30 archivi, insieme a testi geografico-descrittivi e letterari e a fotografie e aerofotogrammetrie attuali. Una sezione è dedicata alle fortificazioni. E’ corredata da amplia bibliografia, indice degli autori e cronologia. Dalla presentazione:

L’archivio fornisce informazioni di carattere geografico ed iconografico-storico su manufatti, luoghi, paesaggi, ambienti e territori dell’intero litorale continentale e insulare della Toscana. La banca dati utilizza infatti una vasta gamma di rappresentazioni grafiche del passato e del presente, unitamente ad altre categorie di fonti documentarie a base territoriale (quelle scritte, che sempre vengono ben valorizzate da quelle cartografico-iconografiche), che garantiscono un alto grado di conoscenza dei beni ambientali e culturali, con la lettura e il riconoscimento dei processi evolutivi di lungo periodo e delle eredità naturali e storiche ivi presenti, anche ai fini della tutelare e dello sviluppo del territorio.

Il gruppo di lavoro fa parte del Laboratorio di Geografia del Dipartimento di Storia dell’Università degli Studi di Siena coordinato da Anna Guarducci, con la collaborazione di Leonardo Rombai (Dipartimento di Studi Storici e Geografici dell’Università degli Studi di Firenze) e di Marco Piccardi (ricerca e geo-localizzazione).

Sito web: http://www.toscanatirrenica.it/index.php


Mappe storiche del Comune di Firenze

29 giugno 2016

Il servizio, disponibile sul sito web del Comune di Firenze, consente di selezionare un indirizzo della città e visualizzare la zona corrispondente, mettendo a confronto due carte scelte tra quelle attuali (cartografia e ortofoto del Comune di Firenze, Google maps/satellite, Open street maps) ed alcune carte storiche (in un arco temporale che va dal 1594 ai primi del Novecento).

Sito web: http://maps.comune.fi.it/mappestorichefirenze/


PIT: Piano di indirizzo territoriale con valenza di piano paesaggistico (Toscana)

27 giugno 2016

Pit

 

 

 

 

Sul sito della Regione Toscana dedicato al PIT , Piano di indirizzo territoriale con valenza di piano paesaggistico, è consultabile e/o scaricabile la seguente documentazione:

  • elaborati del piano
  • elaborati di livello regionale
  • elaborati di livello d’ambito
  • elaborati cartografici
  • beni paesaggistici (vincoli)
  • allegati

Tra gli allegati si segnala:

E’ disponibile on-line anche la pubblicazione Toscana bella ancora: il Piano del paesaggio.

Sito web:

http://www.regione.toscana.it/-/piano-di-indirizzo-territoriale-con-valenza-di-piano-paesaggistico


Piante storiche della città di Firenze

17 settembre 2012

Spesso i nostri studenti vengono in biblioteca a cercare le piante storiche della città di Firenze al fine di analizzare lo sviluppo urbanistico della città. Segnaliamo qui di seguito le carte ed i principali contributi sull’argomento che possono essere utili per iniziare la ricerca e che sono disponibili presso la nostra biblioteca:

  • Mazzotta, Daniele, Firenze l’immagine urbana dal 14. al 19. secolo, Lecce : Capone, [1998] (collocazione FF 914.551 MAZZD)
    Il libro offre una panoramica sulle più importanti rappresentazioni di Firenze dalla Carta della Catena alla veduta di Firenze dello Zumkeller; è corredato da riproduzioni di piccolo formato con l’indicazione dei luoghi in cui sono conservati gli originali e bibliografia. Serve per farsi un’idea dello sviluppo della cartografia su Firenze perché le immagini di piccolo formato rendono le carte inutilizzabili per lo studio. Per altri saggi su questo argomento cfr.: Orefice, Gabriella, Dall’immagine alla misura della città, in, Atlante di Firenze, Venezia : Marsilio, 1993, pp.9-34 (collocazione REFER 912.45511 ATLANT); Salvini, Enzo, Firenze e l’Arno nella cartografia, in, La citta e il fiume Firenze, Milano, Electa, copyr. 1986-1987 (collocazione REFER 711.4094551 CITTA). Infine dal Catalogo interattivo delle carte antiche dell’Istituto geografico militare  è possibile effettuare la ricerca delle carte per la provincia di Firenze; per molte di esse, è anche possibile visualizzare l’immagine a bassa risoluzione.
  • Stradario storico e amministrativo del comune di Firenze [a cura di Piero Fiorelli e Maria Venturi] Firenze : Polistampa, 2004 (collocazione REFER 945.511 FI / 1 e 945.511 FI / 2)
    Il terzo volume – che si trova nel Pozzo librario – contiene 13 tavole di grande formato con le seguenti piante:
    • Capitani di Parte, Pianta della città di Firenze, circa 1594-1624 (Archivio di Stato, Firenze, Miscellanea di piante 101);
    • Capitani di Parte, Pianta della città di Firenze, 1690 (Archivio di Stato, Firenze, Capitani di Parte, 2);
    • Ruggieri, Pianta della città di Firenze, 1731;
    • Pianta della città di Firenze, 1779, in Placido Landini, Istoria dell’Oratorio di S. Maria del Bigallo e della Venerabile Compagnia della Misericordia della Città di Firenze, Firenze, Cambiagi, 1779;
    • Gugliantini, Pianta topografica e veduta generale della città di Firenze, 1837;
    • Zocchi, Pianta della città di Firenze rilevata esattamente nell’anno 1783;
    • Fantozzi, Pianta geometrica di Firenze, 1843;
    • Pozzi, Pianta della città di Firenze, 1855;
    • Uffizio Superiore del Corpo di Stato Maggiore, Pianta di Firenze e suoi contorni, 1861;
    • Istituto Geografico Militare, Pianta della città di Firenze, 1865-1870;
    • Istituto Topografico Militare, Pianta di Firenze e dintorni, 1873;
    • Pianta della città di Firenze, in, Stradario storico e amministrativo della città di Firenze, Firenze, Barbera, 1913;
    • Comune di Firenze, in, Stradario storico e amministrativo della città di Firenze, Firenze, Barbera, 1913;
    • Istituto Geografico Militare, Pianta della città di Firenze, 1937.
    Tutti questi materiali sono disponibili anche in CD-ROM al banco del prestito.
  • Antiche carte e vedute della città di Firenze riprodotte e pubblicate dall’Istituto Geografico Militare nella rivista l’Universo, Firenze : Istituto Geografico Militare, 1924 (collocazione RESER 912.45511 ANTICH)
    Sono riprodotte in grande formato le seguenti piante:
    • Carta della Catena, 1470 circa;
    • Bonsignori, Pianta di Firenze, 1584;
    • Spada,Veduta della città di Firenze;
    • Zocchi, Pianta di Firenze, 1783;
    • Werner, Veduta di Firenze, XVIII sec.;
    • Fantozzi, Pianta geometrica di Firenze, 1843.
  • Boffito, Giuseppe; Mori Attilio, Piante e vedute di Firenze studio storico, topografico, cartografico, Roma : Multigrafica, 1973 (collocazione REFER 912.4551 BOF01a)
    Repertorio storico descrittivo delle immagini e piante di Firenze con riproduzioni di piante di grande formato.
  • Firenze antica nei disegni di Corinto Corinti, note biografiche di Carlo Camarlinghi, materiale iconografico fornito da Omero Corinti, Firenze, Coi tipi dell’Istituto geografico militare, 1976 (Fondo ex-progettazione A1RISER A00 00097 esemplare in fotocopia).
    Si tratta di 100 cartoline prodotte tra il 1923 ed il 1928, sulla base dei rilievi eseguiti soprattutto tra il 1890 ed il 1895, anni in cui l’architetto fu a capo della commissione per il rilievo di ciò che stava emergendo dal rinnovamento del centro urbano. Alcune piante sulla Firenze antica ma di piccole dimensioni.
  • Fanelli, Giovanni, Firenze architettura e città, Firenze, Mandragora, 2002 vol. 2. Atlante (collocazione REFER 711.4094551 FANEG / 1 e 2)
    Nel secondo volume ci sono piante relative allo sviluppo urbanistico di Firenze durante i secoli. Le piante sono di piccolo formato.
  • Steiner Balzanetti, Giovanna, Firenze disegnata le strade da porta a porta nella successione delle mura urbane, Firenze : Alinea, 2001 (collocazione REFER 720.94551 STEIBG)

Segnaliamo, infine, alcune risorse on-line sull’argomento; per alcune di queste sono disponibili anche i relativi post nel blog:


Territori: il portale italiano dei catasti e della cartografia storica

13 marzo 2012

Territori  è un portale, promosso dalla Direzione generale per gli Archivi del Ministero per i beni e le attività culturali, che intende porsi come punto di accesso unitario alla documentazione catastale ed alla cartografia storica, conservata negli Archivi di Stato italiani, anche in considerazione del fatto che “tale documentazione risulta essere particolarmente interessante sia per la ricerca specialistica sulla storia dei territori, sia per l’attrattività espressa dalle mappe, dotate di immediata leggibilità anche da parte di utenti non specialisti”.

Attualmente, il portale consente di accedere, contemporaneamente, alla documentazione catastale e cartografica conservata negli Archivi di Stato di Genova, Milano, Trieste e Venezia, rendendo disponibili on line non solo le descrizioni dei documenti, ma anche la loro riproduzione ad altissima risoluzione, in modo da consentire la consultazione da remoto delle carte, fin nei minimi dettagli.

Fornisce, inoltre, una mappa dei progetti di digitalizzazione realizzati presso altri istituti (distinti tra quelli direttamente consultabili on-line e quelli non consultabili on-line).

Sito web:    www.territori.san.beniculturali.it


Imago Tusciae: catalogo digitale della cartografia storica toscana

8 novembre 2011

Segnaliamo oggi Imago Tusciae, www.imagotusciae.it,  la banca dati on-line di cartografia storica toscana, realizzata dal gruppo di lavoro del Laboratorio di Geografia del Dipartimento di Storia dell’Università degli Studi di Siena.

Attualmente comprende oltre 2000 documenti, appartenenti a diversi fondi dell’Archivio di Stato di Siena. Ad essi si aggiungeranno le mappe (circa 2250) dell’Archivio di Stato di Grosseto, in gran parte già riprodotte digitalmente e schedate.

La ricerca è possibile per parola chiave, “stile Google”, ma anche attraverso liste ed indici (fondi, toponimi, autori, atlanti, cronologia).

Ecco una sintesi della presentazione tratta dal sito:

Queste due grandi conservatorie raccolgono la parte più rilevante dei documenti relativi all’antico Stato Senese che, tra il Medioevo e l’Unità d’Italia, comprendeva grosso modo le attuali province di Siena e di Grosseto, cioè tutta la parte meridionale della Toscana. Si tratta di un patrimonio composto di figure quasi sempre manoscritte – poche sono le stampe prodotte in Toscana o altrove per motivi commerciali o celebrativi – disegnate a china e/o ad acquerello o a tempera. Tali rappresentazioni grafiche vennero costruite, nei secoli XIV-XIX, dalle istituzioni governative centrali o locali nell’ambito della Repubblica di Siena e del Nuovo Stato Senese che, dalla metà del XVI secolo, fece parte, con ampia autonomia amministrativa, del Granducato di Toscana fondato da Cosimo I dei Medici. Nel 1765-66 il Senese e il Grossetano furono trasformati dal granduca Pietro Leopoldo di Lorena in due circoscrizioni (la Provincia Inferiore e Superiore Senese), dotate ciascuna di autonomia amministrativa, sempre all’interno dello stato granducale che scomparve solo nel 1859, alla vigilia dell’Unità d’Italia.

Da allora venne praticamente a cessare questa produzione cartografica promossa dallo Stato regionale (salvo alcune rappresentazioni locali redatte dagli uffici comunali e da quelli statali decentrati del Genio Civile), fino alla costruzione della cartografia di Stato – ovvero la Carta d’Italia alle scale di 1:100.000, 1:50.000 e 1:25.000 – ad opera dell’Istituto Geografico Militare negli anni ’70-’80 del XIX secolo. […]

Imago Tusciae consente la visualizzazione di riproduzioni di mappe ad alta risoluzione e cerca di offrire strumenti di studio e di riflessione, come schede informative sui documenti, elenchi di autori con relative notizie biografiche, riferimenti bibliografici, elenchi di fondi archivistici e atlanti di mappe con loro descrizione e una cronologia interattiva e localizzata sulla mappa della Toscana odierna. […]

La scheda descrittiva riassume le caratteristiche formali e il contenuto territoriale delle figure, cercando di evidenziare il maggior numero possibile di informazioni che ogni carta può offrire, attraverso le caratteristiche del disegno, la toponomastica e il quadro topografico. […]


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: