Il liberty in Italia

23 dicembre 2014

partage-plus-logoSegnaliamo oggi il portale Il liberty in Italia: http://www.liberty.beniculturali.it/

Sul sito sono consultabili oltre 10.000 immagini e schede informative relative a sculture, dipinti, disegni, riviste, fotografie mobili, complementi d’arredo, articoli e documenti d’archivio, relativi alla stagione del liberty italiano.

Il materiale (parte del quale è stato digitalizzato in tre dimensioni con un laser scanner 3D) proviene da tre istituti culturali italiani: la Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea, il Museo Andersen e gli Archivi delle Arti Applicate del XX secolo. Il coordinamento dell’attività di digitalizzazione è stato svolto dall’ICCU – Istituto centrale per il catalogo unico.

Il sito fa parte del progetto Partage Plus realizzato nell’ambito della biblioteca digitale Europeana e dedicato al tema dell’Art Nouveau nei vari paesi europei.

Annunci

Bollettino d’arte: collezione digitale

18 settembre 2014

BdAIl Bollettino d’arte (rivista promossa nel 1907 dal Ministero della Pubblica Istruzione ed oggi edita dal Ministero per i Beni Culturali) è stato interamente digitalizzato fino al 1931. Le annate successive sono in corso di digitalizzazione ed al momento sono disponibili on-line gli indici.


Archigram Archival Project

15 luglio 2014

archilogoSegnaliamo oggi il sito Archigram Archival Project, curato da EXP, un gruppo di ricerca architettonica dell’Università di Westminster.

Sul sito sono stati raccolti, catalogati e resi disponibili per la consultazione gratuita molti dei materiali prodotti da Archigram, il gruppo di avanguardia, nato all’inizio degli anni Sessanta a Londra e formato da: Peter Cook, Warren Chalk, Ron Herron, Mike Webb e David Greene.
In particolare sono consultabili documenti digitalizzati relativi ad oltre 200 progetti, nonchè tutti i numeri della rivista Archigram (digitalizzazione e trascrizione).

>> http://archigram.westminster.ac.uk/


Digitalizzazione dell’Antologia Vieusseux 1821-1832

14 marzo 2013

La banca dati Antologia Vieusseux 1821-1832 raccoglie la digitalizzazione dei 48 volumi pubblicati tra il 1821 ed il 1832 della storica rivista fondata da Gian Pietro Vieusseux, rivista che ” per la statura dei collaboratori, la vastità dei temi culturali e civili coraggiosamente affrontati e dibattuti, lo spirito progressivo e il pathos civile che l’anima, s’impone come il periodico più rappresentativo della prima metà dell’800, e forse di tutto il secolo” (fonte: http://www.antologia-vieusseux.org/)

antologia vieusseux

Il progetto, finanziato dall’Ente Cassa di Risparmio di Firenze, è stato curato dall’Accademia della Crusca, in collaborazione con il Dipartimento di Italianistica dell’Università degli studi di Firenze.

La consultazione richiede la registrazione gratuita. Oltre alla ricerca per parola (semplice e avanzata), sono disponibili indici cronologici per fascicolo, per autori, traduttoriargomenti (secondo la classificazione dei curatori) e materie (secondo gli originali della rivista).


HathiTrust digital library

25 febbraio 2013

HathiTrustIl progetto HathiTrust, fondato nel 2008 da alcune università americane, è un grande archivio di testi digitalizzati, sia monografie che periodici,   provenienti da circa 60 biblioteche universitarie principalmente americane, ma aperto alla partecipazione di biblioteche europee.

Lo scopo di Hathi Trust è quello di preservare e diffondere il patrimonio culturale conservato nelle biblioteche sia attraverso i singoli progetti di digitalizzazione  sia  tramite i contenuti digitalizzati da Google books oppure da Internet Archive.

E’ possibile fare ricerche per autore e titolo oppure anche nel testo del documento (sia in modalità semplice che avanzata) e navigare fra le varie collezioni di testi digitalizzati. Non tutti i testi sono disponibili in full-text, su circa 10 milioni di volumi digitalizzati 3 milioni sono liberamente consultabili, circa il 31% dell’intera collezione. Nel caso in cui non sia possibile visualizzare il testo liberamente è comunque possibile fare una ricerca attraverso la quale possiamo leggere porzioni di testo esattamente come in Google books.

Per avere idea della vastità dei documenti digitalizzati, provate a scorrere l’elenco dei periodici di architettura (oltre 1000 annate):


Digitalizzazione della rivista Urbanistica

4 gennaio 2013

1956 n.20Dal catalogo on-line del Sistema bibliotecario e documentale dell’Università  IUAV di Venezia è possibile accedere alla copia digitale full-text dei fascicoli usciti dal 1949 al 1967 della rivista Urbanistica, fondata nel 1932 come Bollettino dalla Sezione Piemontese dell’Istituto Nazionale di Urbanistica e divenuta Rivista ufficiale bimestrale dell’Istituto nazionale di Urbanistica dal 1933.

E’ possibile visualizzare i fascicoli in formato pdf o sfogliarli in formato immagine tramite Dolfin Service (sperimentale).

La digitalizzazione riguarda l’arco cronologico 1949-1995, ma i fascicoli successivi al 1967, ancora coperti da diritti di autore, sono consultabili solamente presso le apposite postazioni della Biblioteca Centrale dello IUAV.

>>  Elenco cronologico dei fascicoli digitalizzati


Periodici francesi di architettura digitalizzati (sec. XIX-XX)

17 maggio 2012

Sul sito web della Cité de l’architecture et du patrimoine, sezione Portail Documentaire – Ressources numeriques, sono consultabili alcune annate, comprese tra la seconda metà dell’Ottocento e la prima metà del Novecento, di importanti periodici francesi di architettura:

  • L’Architecte (1906-1935): revue mensuelle de l’art architectural ancien et moderne, tutto digitalizzato.
  • L’Architecture  : Journal hebdomadaire de la Société centrale des architectes français (1888-1939), digitalizzato dal 1888 al 1936
  • L’Architecture d’aujourd’hui (1930-), digitalizzato fino dal 1930 al 1940
  • La Construction moderne : journal hebdomadaire illustré : art, théorie appliquée, pratique, génie civil, industrie du bâtiment (1885-), digitalizzato dal 1885 al 1936
  • La Revue générale d’architecture : journal des architectes, des ingénieurs, des archéologues, des industriels et des propriétaires (1840-1888), tutto digitalizzato
  • Le Béton armé  : organe des concessionnaires et agents du système Hennebique (1898-1939), tutto digitalizzato
  • Le Carrè bleu (1958-2011), digitalizzato dal 1958 al 2001.
  • Urbanisme (1932-), digitalizzato fino al 1943

Per ulteriori informazioni sui progetti di digitalizzazione retrospettiva dei periodici francesi di architettura, si può consultare la pagina:

http://www.bnf.fr/documents/periodiques_num_partenaires.pdf


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: