Gli album di disegni di Filippo Juvarra on-line

10 giugno 2014

disegno JuvarraSono disponibili sul sito web di Palazzo Madama di Torino le immagini ad alta definizione degli album di disegni di Filippo Juvarra:

http://www.palazzomadamatorino.it/pagina3.php?id_pagina=649

La pubblicazione sul web dei disegni di Palazzo Madama arricchisce le opportunità di libera consultazione avviate dalla Biblioteca Nazionale Universitaria di Torino nel 2002 per i propri album con il Corpus juvarrianum: la digitalizzazione e la pubblicazione sul web consentono di rendere globalmente accessibili le opere e al tempo stesso di preservarle dall’usura e dai rischi connessi alla consultazione […]

Palazzo Madama possiede quattro album con legatura settecentesca in pelle con fregi d’oro, che compaiono nell’inventario del 1764 dell’Archivio particolare di Carlo Emanuele III di Savoia.
Con le dispersioni degli anni napoleonici i volumi passarono al conte Luigi Seyssel d’Aix, che era riuscito a recuperare parte della collezione del re, ma successivamente imboccarono strade diverse. Il secondo e il quarto, contenenti l’uno progetti di edifici torinesi e studi per archi di trionfo, stemmi, targhe e schizzi scenografici, l’altro repertori di modelli d’ornato per candelabri e vasi, furono acquistati dalla Città di Torino per il Museo nel 1921.

Leggi il seguito di questo post »


Inventario analitico dei disegni e piante del fondo Scrittoio delle fortezze e fabbriche, fabbriche Lorenesi.

18 luglio 2013

foto_archivioE’ consultabile on-line sul sito dell’Archivio di Stato di Firenze l’inventario analitico dei disegni e piante del Fondo Scrittoio delle fortezze e fabbriche, fabbriche Lorenesi, Serie Rappresentanze, informazioni, ordini e rescritti (1602-1849), realizzato da Fabrizio Borelli, Marco Papi, Sonia Santoni, Carla Tilli, con il coordinamento generale di Francesco Martelli.

[…] Si tratta di disegni e piante, spesso di grande pregio ed interesse, redatte dagli architetti ed ingegneri dello Scrittoio, che documentano i lavori di costruzione, trasformazione e restauro effettuati nel corso di quasi due secoli e mezzo sugli immobili dello Stato, sia civili (come le ville e altre residenze granducali e gli svariati edifici pubblici) che militari (fortezze, torri costiere altre opere di difesa), dislocati su tutto il territorio del granducato. Su ciascun disegno o pianta è stato anche apposto un timbro attestante l’appartenenza all’Archivio di Stato di Firenze.

L’operazione di censimento ha consentito, in una seconda fase del progetto, di procedere all’inventariazione analitica di tutto questo materiale grafico, rilevando, per ogni disegno o pianta, località, immobile interessato, tipo di intervento effettuato o previsto (se agevolmente desumibile), datazione (quando diversa da quella del fascicolo di appartenenza), nome dell’autore. Queste informazioni sono state riportate, nel presente inventario, di seguito alla riga di descrizione generale di ciascuna busta, con riferimento, naturalmente, al fascicolo dove il disegno è contenuto.

Si è provveduto infine a completare l’inventario con un indice alfabetico delle località cui i disegni e piante si riferiscono e con un indice alfabetico degli autori. Entrambi gli indici fanno riferimento al numero di busta; spetterà al consultatore, scorrendo nell’inventario la descrizione della busta, individuare il fascicolo esatto nel quale il disegno cercato è collocato.

(fonte: http://www.archiviodistato.firenze.it/)


Indice geografico-analitico dei disegni di architettura civile e militare esistenti nella R. Galleria degli Uffizi in Firenze (1885)

13 febbraio 2013

indice disegni ark UffiziOggi aggiungiamo al nostro scaffale di consultazione virtuale di architettura un’opera disponibile in full-text presso diverse biblioteche digitali on-line (es. Google books, Archive.org,  Europeana, Open Library ecc.):

Indice geografico-analitico dei disegni di architettura civile e militare esistenti nella R. Galleria degli Uffizi in Firenze (Roma : Presso i principali librai, 1885)

Il link segnalato rimanda al sito Archive.org, dove l’opera è consultabile  e scaricabile in vari formati (pdf, txt, epub, DjVu ed altri).

In uno dei prossimi articoli, parleremo anche del Progetto Euploos: il catalogo informatico del Gabinetto Disegni e Stampe degli Uffizi.


La collezione digitalizzata del Département des Estampes et de la Photographie della BNF

28 maggio 2012

Il Département des Estampes et de la Photographie della Biblioteca nazionale di Francia conserva una delle più ricche e belle raccolte di immagini del mondo: circa 15 milioni di documenti tra disegni, stampe, fotografie, manifesti, ecc.).    Una parte di questi sono stati digitalizzati e resi disponibili liberamente on-line sul sito di Gallica, la biblioteca digitale della BNF.

All’interno di questa  ricchissima collezione, ci limitiamo a segnalare la sezione relativa all’architettura e all’urbanistica.

Dal blog di Gallica:

L’importance des fonds d’architecture et des collections topographiques au sein du département des Estampes et de la photographie justifie de fait leur présence sur Gallica.

À ce compte, la collection Destailleur, acquise entre 1890 et 1895, et comportant plus de 4900 vues dessinées de Paris et des provinces de France, s’impose.

La collection Chauvet, riche de 1400 dessins de Paris et ses environs à la fin du XIXe siècle viendra sous peu la compléter en ligne.

Les plans de bâtiments jésuites, comprenant plus d’un millier de plans et projets de bâtiments de la Compagnie de Jésus datant principalement des XVIe et XVIIe siècles, associés aux dessins du frère jésuite Martellange, constituent également un ensemble d’importance.

Primordial pour l’histoire de l’architecture européenne, le fonds du cabinet Robert de Cotte, constitué de dessins et plans de ce dernier, mais aussi de Jules-Hardouin Mansart, est actuellement en cours de numérisation. Près de 1800 documents sont d’ores et déjà visibles en ligne. Courant 2012, les dessins et plans d’Henri Labrouste, architecte, notamment, de la Bibliothèque nationale, seront eux-aussi numérisés.

Vous pouvez aussi admirer ces « choses curieuses à voir » que sont les vues d’optique, très en vogue au XVIIIe, sur Gallica.   Au nombre de 600, elles donnent à voir, avec l’illusion du relief, les grandes villes, leurs monuments et lieux les plus illustres.

Enfin, les volumes des « Voyages pittoresques et romantiques dans l’ancienne France » par Taylor et Nodier, riches recueils d’impressions de voyage et de planches lithographiées, sont numérisés et seront très prochainement accessibles sur Gallica.


Lineamenta: una banca dati di disegni di architettura italiani del XVII e XVIII secolo

23 luglio 2010

Lineamenta è una banca dati di disegni di architettura italiani dei secoli XVII e XVIII, curata dalla Bibliotheca Hertziana dell’Istituto Max Planck per la storia dell’arte di Roma.

L’implementazione della banca dati, che avviene in cooperazione con istituzioni ed organismi internazionali, ha preso avvio con le prime campagne di scansione e rilevamento dei dati dalla collezione dei disegni dell’Accademia di San Luca a Roma e dall’archivio dell’ordine dei Barnabiti a Milano e si pone l’obiettivo di ricongiungere virtualmente fra loro disegni oggi sparsi nelle collezioni di tutto il mondo.

Nel database, i dati relativi ai disegni vengono messi in connessione con informazioni su persone e istituzioni, su edifici, progetti, fonti d’archivio e bibliografia ed è previsto il collegamento con il catalogo interattivo delle piante di Roma, CIPRO, anch’esso in corso di sviluppo presso la Bibliotheca Hertziana.

Lineamenta, in una versione sperimentale con funzionalità ridotte (in particolare, solo una selezione delle immagini è disponibile ad alta definizione), è liberamente accessibile on-line all’indirizzo:

http://lineamenta.biblhertz.it/

Per accedere alla banca dati nella sua versione completa per scopi di ricerca, è necessario inviare una e-mail all’indirizzo di posta elettronica: lineamenta@biblhertz.it


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: